ATHAMANTA SUGLI AGRI MARMIFERI: un regolamento a misura delle imprese, un crimine contro la comunità.

Il dibattito politico che circonda l’approvazione del Regolamento degli Agri marmiferi di Carrara rappresenta perfettamente ciò a cui è stata ridotta la pratica politica dal modello capitalista estrattivo: non più la gestione della cosa pubblica ma l’arena dentro la quale interessi personali o di rappresentanza cercano di trovare compromessi e accordi di comodo per mantenere inalterato lo stato di cose presenti.

“Seppur promosso come largamente innovativo, il nuovo Regolamento ha l’aspetto di chi “si è vestito a festa ma ha dimenticato di fare la doccia”. Il Comune di Carrara dovrebbe infatti utilizzare tale strumento per disciplinare l’estrazione del marmo al fine di puntare al massimo dei benefici per la comunità in termini di ricaduta economica e occupazionale, e minimizzare al massimo i conseguenti danni ambientali (es. inquinamento delle acque, rischio alluvionale e danno paesaggistico).

Da un’analisi del Regolamento emerge tuttavia l’esatto opposto: sono introdotte norme che mirano a privilegiare l’interesse dei concessionari a scapito della comunità, trasformando gli agri marmiferi di Carrara in un vero e proprio distretto minerario, dal quale vengono estratte ogni giorno risorse e ricchezze, incrementando gli evidenti danni ambientali su un territorio già compromesso a tal punto da essere considerato un disastro planetario. La nostra critica più forte guarda alla direttrice apparentemente meritocratica che determina il rapporto fra pubblica amministrazione ed impresa privata in un contesto nel quale lo sfruttamento dei bacini estrattivi viene regolamentato mettendo al centro dell’interesse pubblico non il bene comune ma l’opportunità imprenditoriale. La tutela ambientale e la sicurezza dei lavoratori non dovrebbero essere “scelte da premiare” ma obblighi da rispettare.”

“Se la Commissione Marmo da un lato invita le associazioni ambientaliste a portare un contributo sulla bozza definitiva del nuovo Regolamento, nella realtà dei fatti va poi ad escludere completamente la possibilità di dare una visione politica d’insieme del documento ed oltretutto ignora le varie critiche e modifiche puntuali proposte, confermando nuovamente quali siano i reali interessi che definiscono il dibattito pubblico e l’intervento politico sull’estrazione del marmo. Non è ammissibile che si continui ad affrontare il problema in termini competitivi, ancor meno se i criteri restano basati sulla disponibilità di capitale da investire dove il più ricco vince sempre e comunque.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: